lunedì 11 febbraio 2013

Recensione: L’albero dei segreti di Sarah Addison Allen

Titolo: L’albero dei segreti

Autore: Sarah Addison Allen

Editore: Sonzogno

Pagine: 256

Prezzo: 17,00 euro

La trama

Tanto tempo fa, l'imponente palazzo vittoriano in cima alla collina era proprietà della famiglia di Willa Jackson. Poi quell'edificio abbandonato divenne il simbolo della rovina dei Jackson e di tutto ciò da cui Willa aveva deciso di fuggire. Da qualche anno la donna si è rifugiata ai margini della vita del paese, a gestire un negozio di articoli sportivi - rigorosamente biologici - e un baretto dal quale provengono deliziosi profumi di torte e biscotti al caffè per la gioia dei visitatori. Ma un giorno Willa riceve una busta sulla quale riconosce l'elegante firma della sua ex amica del cuore, Paxton Osgood. All'interno, un invito impossibile da ignorare perchè riguarda proprio quell'antica dimora di cui ora sono proprietari gli Osgood. Ecco che il passato sembra tornare a perseguitare l'ultima discendete dei Jackson, costringendola a riaprire il cancello del misterioso giardino dove sta per venire alla luce un segreto rimasto sepolto per decenni. un segreto che cambierà la vita di Willa e della sua amica in un modo che nessuno si sarebbe mai aspettato. Il nuovo bestseller di Sarah Addison Allen, con tutti gli ingredienti che l'hanno portata al successo: una grande storia di amicizia, un'atmosfera da fiaba gotica e quell'inconfondibile tocco di soprannaturale che incanta il lettore, pagina dopo pagina.

La mia recensione

Provate a chiudere gli occhi e ad immaginarvi Walls of Water, una piccola cittadina dove abita la nostra protagonista Willa: tra le case e le strade strette, la nebbia mattutina dovuta soprattutto alle cascate, si intravede una collina sormontata da un imponente edificio, ecco quella è Blue Ridge Madam, una villa risalente a prima della guerra civile.

La villa era stata costruita dal trisnonno di Willa, ma dopo una serie di problemi finanziari fu acquistata dalla famiglia Osgood.

Quanti profumi riusciamo a sentire…le torte ed i biscotti della caffetteria di Willa inserita in un negozio di articoli sportivi, ma soprattutto quell’odore dolciastro, di pesca vellutata e matura; come mai questo profumo invade costantemente il racconto della Addison?

Willa ha sempre fatto di tutto per dimenticare il suo passato, ma come spesso accade, il passato torna sempre a tormentare gli animi! Un terribile segreto verrà scoperto e questo cambierà per sempre la vita dei nostri protagonisti.

L’autrice riesce a costruire un romanzo in cui tutti i sensi vengono solleticati: dalla vista all’olfatto, all’udito, sembra di essere veramente immersi nella realtà di Willa, grazie alle sue splendide e delicate descrizioni, ed al modo con cui ci fa entrare nelle vite dei singoli personaggi.

Ogni personaggio, da quelli principali, a quelli minori, sono ben caratterizzati e fondamentali per lo svolgimento della storia, ognuno con un passato alle spalle che cerca di dimenticare, ma tutti sapranno, in un modo o nell’altro, trarre degli insegnamenti e fare in modo che il futuro sia migliore.

L’autrice ci racconta una dolcissima fiaba, intrisa di tanti sentimenti contrastanti, ma anche di un pizzico di soprannaturale! Ma sarà veramente magia o solo suggestione? I fantasmi possono tornare dal passato e cercare vendetta?

Questo è un romanzo sull’amicizia: quella ritrovata tra Willa e Paxton, quella che supera il tempo e le difficoltà che la vita riserva tra Agatha e Georgie e quel tipo di sentimento che nasce come semplice amicizia, ma che sappiamo bene molte volte si trasforma in qualche cosa d’altro.

E’ un libro che si legge in una notte, riempie il cuore di emozioni e scorre leggero ed impalpabile proprio come la nebbia che avvolge i segreti del Blue Ridge Madam.

stella0 stella0 stella0 stella0 stella6

3 commenti:

  1. *_* non vedo l'ora di iniziarlo

    RispondiElimina
  2. Davvero una bella recensione, mi hai convinta *---*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, care ragazze è proprio un libro da non perdere!

      Elimina